Enogastronomia


La provincia di Sassari è la più vasta dell'isola. Il Sassarese, escludendo la Gallura, presenta  una ricchezza gastronomica che le deriva anche dalla varietà del paesaggio:spiagge,colline, modesti rilievi montuosi, coltivati principalmente a vigneti e cereali, e l'entroterra dedito a pastorizia e allevamento. Le “lumache" sono uno dei piatti più apprezzati nella città di Sassari, cucinate in vari modi, insieme ai piedini d'agnello nella salsa piccante dell'agliata. Di derivazione genovese, invece, è la “fainè", gustosa schiacciata di farina di ceci. L'entroterra propone secondi piatti di carne, e quindi si possono gustare arrosti di maiale, capretto, agnello, o i bolliti e stufati, specialmente di pecora e di agnello, insaporiti con olive o verdure . Una specialità è anche lo “zimino", interiora di agnello o di vitella arrosto. Si tratta di un insieme di frattaglie d'agnello o di bovino, tra cui primeggiano il diaframma (parasangu), i "riccioli" o intestino (isthintinu), il retto (cannaguru), ma anche il cuore (cori), il rognone (rugnoni), la milza (ippiena); tuttavia, tra tutti, il pezzo più prelibato è il primuratti, cioè il timo (le animelle).

Degne di nota sono le cipolle di Banari, rosse e profumatissime. Da degustare, particolarmente in inverno, sono le gustose “fave con lardo", diffuse in tutta la zona, insieme alla spianata, il pane tipico. Il pane si presenta sotto svariate forme, (come in tutta l'isola) frutto della tradizione e della fantasia dell'arte panificatoria locale: “su cabule" o “su pane fine", sorta di spianata riccamente lavorata. Se preferite piatti a base di pesce, che sono tipici delle zone costiere, il Sassarese è caratterizzato da invitanti zuppe di pesce in salsa piccante di pomodori, crostacei, o specialità come il “polpo con patate". Come dessert, provate i delicati “sospiri", a base di pasta di mandorle, aromatizzata all'acqua di fiori d'arancio, o le “copulettas", dolci di pan di spagna e acqua di mandorle. Una descrizione a parte merita la cucina di Alghero, enclave catalana in Sardegna, con i suoi famosi piatti a base di crostacei. Come non citare l'“aragosta alla catalana", proposta secondo la ricetta tradizionale o con leggere variazioni, e gli spaghetti con i ricci di mare, protagonisti di numerose rassegne nella cittadina. I vigneti del Sassarese, e in particolare quelli della zona di Alghero e Sorso, hanno dato vita ad alcuni dei vini più rinomati della Sardegna: moscato, vermentino e cannonau.